Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Cookie Policy"

 

Dose to the contralateral breast from radiotherapy and risk of second primary breast cancer in the WECARE study.

Stovall M1, Smith SA, Langholz BM, Boice JD Jr, Shore RE, Andersson M, Buchholz TA, Capanu M, Bernstein L, Lynch CF, Malone KE, Anton-Culver H, Haile RW, Rosenstein BS, Reiner AS, Thomas DC, Bernstein JL; Women's Environmental, Cancer, and Radiation Epidemiology Study Collaborative Group

 

Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2008 Nov 15;72(4):1021-30

 

CONTESTO:

L’intento dello studio è quantificare il rischio di dare un tumore radioindotto alla mammella controlaterale. Nello studio sono stati esaminati 708 casi di donne con cancro bilaterale e 1399 donne con cancro unilaterale. Tutte sotte i 55 anni al primo tumore alla mammella. Risultati: le donne sotto i 40 anni di età che hanno ricevuto una dose >1 Gy alla mammella controlaterale hanno un elevato rischio, a lungo termine, di contrarre un tumore alla mammella controlaterale.

RILEVANZA PER RTT:

Questo articolo è uno studio fatto da uno dei migliori centri al mondo (MD Anderson) per quanto riguarda la radioterapia. Il risultato è sorprendente perché parliamo di dosi molto basse e ancora più sorprendente nell’era degli archi modulati perché siamo tutti abituati a guardare l’ottima conformazione di dose al target ma guardiamo poco le basse o bassissime dosi che questi trattamenti “spalmano” sul body.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ABSTRACT E L'ARTICOLO

 

TORNA ALLA LISTA DEGLI ARTICOLI